‘Musical offering’ reviewed in Amadeus

Medium hpm011 cover

Massimo Rolando Zegna reviewed our CD ‘Musical offering’ for Amadeus

The Bach Players è un gruppo che ha sede a Londra: fondato nel 1996 dalla violinista Nicolette Moonen si dedica alla musica barocca, con una particolare attenzione a Bach. Dal 2008 ha iniziato a pubblicare dischi in cui viene di volta in volta approfondito un certo argomento musicale (Bach arranging and arranged, Italy versus France, Bach and his rivals …). L’ultimo s’intitola Musical offering e, con l’intenzione di occuparsi dell’arte della retorica musicale, introduce con la Sonata n. 6 per violino, viola da gamba e continuo BuxWV 257 di Dieterich Buxtehude (nove minuti scarsi di musica) l’ascolto della Musikalisches Opfer BWV 1079 di Johann Sebastian Bach, uno dei più importanti ed enigmatici capolavori della storia musicale tutta. Un passo importante nella comprensione di quest’opera – e di riflesso, su un modo nuovo di affrontarla nell’atto esecutivo – l’ha compiuto Ursula Kirkendale che, nel 1980, ha avanzato l’ipotesi che l’Offerta musicale sia stata ideata sullo schema del trattato di retorica di Quintiliano Institutiones oratoriae. In pratica, le varie sezioni della composizione, se prese nell’ordine giusto, si strutturerebbero come i segmenti costitutivi del discorso secondo Quintiliano. Nelle note storiche del booklet, il clavicembalista del gruppo, Silas Wollston, fa esplicito riferimento allo studio della Kirkendale come decisamente formante per l’interpretazione dei Bach Players che, seppur con una certa cautela, s’inserisce con merito in un filone esecutivo propenso alla riscoperta di un eloquio retorico e del suo prezioso decoro strumentale.

Amadeus, December 2017, p. 107